Torna al Piano

Mobilab

Status
in corso
Tematica
Mobilità sostenibile
Data di inizio attività
03/10/2018

Localizzazione
Savoia, Torino, Valle d’Aosta

Sommario

Mobilab punta a migliorare l’accessibilità del territorio montano transfrontaliero, con particolare attenzione a tutte le modalità di trasporto che rispondono a requisiti di sostenibilità: dai bus a chiamata alle bici elettriche al car sharing. La modalità di lavoro di tutto il piano strategico Graieslab è quella cosiddetta “bottom up”, cioè che parte dalle necessità del territorio per arrivare a soluzioni condivise, nel caso di Mobilab tanto più interessanti perché i territori rurali e montani di Francia e Italia devono affrontare i medesimi problemi, in termini di spopolamento, difficoltà di accesso, necessità di rilanciare lo sviluppo locale valorizzando al massimo l’attrattività di località di grande bellezza seppur “periferiche”.

 

Beneficiari


Capofila

Città Metropolitana di Torino

Altri beneficiari

Gal Valli di Lanzo, Ceronda e Casternone
Unité des communes valdôtaines Grand-Paradis
Communauté de Communes Coeur de Savoie
Communauté de communes Arlysère

Visita il sito internet

https://www.graies.eu/presentazione-mobilab/

Contatta il responsabile del progetto

Città metropolitana di Torino

Cifre chiave:

 

Budget totale

Budget FESR

Contropartite

ITALIA

 1 141 825,88

 970 551,99

171 273,89

FRANCIA

     622 880

     529 448

93 432

TOTALE

 1 764 705,88

  1 499 999,99

264 705,89

 

Attività, Impatti e Risultati:

  • Comunicazione e informazione per i cittadini, per incidere sulle  modalità di spostamento;
  • Sperimentazione di modalità innovative (con il metodo LivingLab) per sensibilizzare e coinvolgere direttamente i diversi target;
  • Studi e scambi di esperienze tra territori con le stesse problematiche di mobilità per consentire lo sviluppo di soluzioni innovative di mobilità conciliandole con le infrastrutture esistenti;
  • Sviluppo di progetti e di servizi di mobilità sostenibile (TAD, car pooling, mobilità elettrica) per la diversificazione dell’offerta dei sistemi di trasporto a scala locale e, in coerenza con il progetto SociaLab, per migliorare l’accessibilità ai servizi socio-assistenziali dell’utenza più vulnerabile;
  • Sviluppo di strategie transfrontaliere di mobilità per migliorare l’accessibilità delle aree più periferiche e disagiate.