EVENTO DI CHIUSURA DEL PROGETTO NAT.SENS

pubblicato 01.10.2020

“Camminare a piedi nudi è una pratica di benessere adatta a tutti che ci ricollega alla terra e alla sua energia, che ci aiuta a conoscere noi stessi, che ci ricolloca nel mondo.” (Andrea Bianchi)

 

Venerdì 25 settembre 2020, ha avuto luogo l’evento di chiusura del progetto NAT.SENS presso il Parco La Mandria, grande parco naturale vicino a Torino. L’evento ha riunito i partner del progetto in occasione dell’inaugurazione della rete transfrontaliera di percorsi a piedi nudi. Il Segretario Congiunto del Programma ALCOTRA ha partecipato all’evento nella persona di Estella TROTTA, istruttore referente del progetto, che ci ha comunicato le sue impressioni su questa giornata.

La mattina è cominciata alle 10.00 con la scoperta, accompagnata dalla guida del Parco Andrea MANTELLI della Cooperativa Arnica, del percorso sensoriale realizzato alla Mandria-Cascina Brero nell’ambito del progetto NAT.SENS. Il percorso a piedi nudi “La foresta in punta di piedi” è al contempo utile ed interessante perché permette, attraverso differenti stazioni sensoriali, di disconnettersi della vita frenetica e dalla tecnologia per entrare in contatto con la natura.  Il percorso è accessibile a tutti (persone con disabilità, anziani, famiglie, ecc.) ed è possibile depositare i propri oggetti in una zona dedicata all’inizio del percorso dov’è possibile, in seguito, lavarsi i piedi una volta terminata l’avventura.

In un secondo tempo, le persone presenti hanno visitato Cascina Rampa, edificio del parco recuperato allo scopo di accogliere turisti e sportivi, prima di assistere alle 11.30 alla conferenza stampa organizzata dal partenariato del progetto.

La conferenza è stata aperta da Emanuela CELONA, giornalista della regione Piemonte, che ha condiviso la sua esperienza di percorso sensoriale. Ha notato come si tratti di una vera esperienza caratterizzata da un prima (con preoccupazioni ed esitazioni), un durante (con il coinvolgimento di tutti i sensi) e un dopo (con sensazioni di sorpresa e di piacere da portare a casa). Ha insistito sulla sensazione di benessere provocata da questo percorso in un periodo difficile e incerto come quello che viviamo attualmente.

Stefania GRELLA è poi intervenuta come rappresentante del capofila del progetto (Ente di gestione delle aree protette dei parchi reali) per ricordare l’idea di questi percorsi sensoriali creati nell’ambito del progetto. Sono percorsi che si rivolgono a tutti e, in particolare, alle persone poco sportive affinché “lascino le proprie paure nelle scarpe”.  Oltre alla gestione del progetto, la cooperazione tra i partner ha permesso di formare le persone che si occupano dell’accoglienza dei diversi tipi di pubblico con un focus dedicato all’accompagnamento delle persone con disabilità.

I partner del progetto hanno proseguito presentando gli altri percorsi sensoriali realizzati da una parte a dall’altra della frontiera. Tutti hanno sottolineato la dimensione inclusiva di questi percorsi e l’importanza di un turismo sostenibile e pedagogico. Hanno anche evidenziato come questo progetto testimoni il significato del valore aggiunto europeo.

Stefano CAMANNI, rappresentante della Cooperativo Arnica (partner del progetto), ha ricordato come il filo conduttore di questa rete sia il permettere di disconnettersi della tecnologia per connettersi alla natura grazie ai piedi che diventano delle antenne che ci consentono di avvicinarci alla natura e all’altro in generale.

La conferenza è stata conclusa da Carlo VIETTI¸ sindaco di Druento (TO), che ha ringraziato tutti i partecipanti a questa giornata, e con la proiezione di un video di presentazione dei tre percorsi sensoriali realizzati nell’ambito del progetto NAT.SENS.

Per immergerti in questo percorso sensoriale, ti invitiamo a guardare il video sul percorso a piedi nudi « La foresta in punta di piedi »!

scopri anche il percorso del parco fluviale gesso e stura "un fiume di emozioni"

Trova maggiori informazioni sul progetto NAT.SENS sulla pagina del nostro sito che gli è dedicata!