Un ente recupera l’IVA solo parzialmente, secondo una percentuale che varia di anno in anno. È una spesa ammissibile?

Per i partner italiani, si suggerisce di applicare il pro-quota di detraibilità per l’anno 20XX (anno di presentazione del fascicolo di candidatura Alcotra, es 2016) calcolato in sede di liquidazione IVA per l’anno precedente (es 2015) ai sensi dell’art. 19 D.P.R 633/72 pari al …… dell’ammontare dell’IVA. Nel caso di applicazione del suddetto pro quota, vi invitiamo a depositare un’apposita dichiarazione sulla sussistenza del requisito inerente l’IVA che contenga i seguenti elementi: (premesse )Il sottoscritto … in qualità di ………dichiarache il partner XXX recupera parzialmente in percentuale pro quota annuale l’IVA sulle fatture pertanto l’IVA stessa riguardante le spese imputabili al progetto presentato costituisce parzialmente un costo. Il pro-quota di detraibilità per l’anno 20XX calcolato in sede di liquidazione IVA per l’anno 20YY ai sensi dell’art. 19 D.P.R 633/72 è pari al …..% dell’ammontare dell’IVA sugli acquisti.Per quanto concerne i calcoli previsionali, pur dovendo essere i più attendibili possibili, difficilmente potranno essere uguali a quelli del consuntivo. Il servizio certificatore controllerà la documentazione delle spese sostenute tenendo conto del regime di cui sopra.