Torna alla lista dei progetti finanziati

AD-VITAM

Status
in corso
Tematica
PREVENZIONE DEI RISCHI
Data di inizio attività
07/06/2017

Localizzazione
Alpi Marittime, Liguria, Piemonte, Valle d’Aosta

Sommario

Il territorio ALCOTRA, molto montagnoso, è estremamente vulnerabile ai rischi geologici. Queste minacce sono destinate ad aggravarsi tenendo conto delle previsioni sul cambiamento climatico e dell’aumento della pressione antropica (soprattutto a causa del turismo e del trasporto).

La vulnerabilità è particolarmente forte per quel che riguarda i fenomeni di smottamento e rischio emergente ad oggi ancora poco studiati. Eppure, le autorità, in un contesto di riduzione delle risorse economiche, devono far appello a  modi di intervento più efficaci, in particolare nell’ambito della sorveglianza, della prevenzione, della previsione, delle procedure di allarme e della protezione civile.

Il progetto AD-VITAM si dà come obiettivo quello di migliorare la resilienza dei territori di fronte ai rischi di smottamento. Mette insieme le competenze di gruppi di ricerca a quelle degli attori operanti sul territorio. I partner sviluppano e testano tramite lo studio dei fenomeni storici, e attrezzando dei siti rappresentativi del territorio almeno tre sistemi operativi innovativi per la prevenzione, la previsione e l’allerta basati sulle frequenze delle precipitazioni.

Beneficiari


Capofila

GEOAZUR

Altri beneficiari

BRGM
Fundazione Montagna Sicura - Montagne sûre
UNIGE
Regione Piemonte
ARPAL
Unione Montana delle Valli Argentina Armea

Visita il sito internet

http://www.advit.am

Contatta il responsabile del progetto

GEOAZUR

Cifre chiave:

 

Budget totale

Budget FESR

Contropartite

ITALIA

1 320 022, 50

1 122 019, 13 198 003, 37

FRANCIA

649 131, 91 551 762, 12 97 369, 79

TOTALE

1 969 154, 41€ 1 673 781, 25 295 373, 16

Attività, impatto e risultati: 

Il progetto prevede in particolare di studiare le evoluzioni delle relazioni tra le piogge e gli smottamenti.

Per questo, AD-VITAM studia in primo luogo gli eventi storici e realizza un inventario degli eventi sul territorio. In parallelo, i siti scelti dai partner si avvalgono di strumentazione e di un monitoraggio permanente grazie all’acquisizione di dati precisi (meteorologici, GPS, etc…).

Diversi modelli di previsione possono, così, essere sviluppati per permettere la definizione della soglia di attivazione degli smottamenti e l’elaborazione di mappe dinamiche della vulnerabilità. Questo strumento è fondamentale per la gestione operativa da parte delle autorità incaricate dell’assetto del territorio e della protezione civile, tanto a livello delle autorità centrali che delle collettività locali esposte al problema della gestione degli smottamenti.

Il partenariato è costituito dai diversi attori coinvolti da questi rischi geologici. I risultati del progetto possono avere un’immediata applicazione sull’intero territorio ALCOTRA. I risultati sono anche trasmessi su internet per informare il pubblico. Degli incontri, dei seminari e delle visite in loco sono previste durante tutto il progetto, a destinazione dei partner, ma anche delle autorità e delle comunità locali, per sviluppare una cultura comune e trasmettere le buone pratiche.