Safia alla giornata della cooperazione europea di Roma

pubblicato 31.10.2019

Ecco il suo racconto!

La nostra volontaria è stata invitata alla giornata della cooperazione europea svoltasi a Roma il 24 e 25 ottobre 2019.

Un evento organizzato dall’ l’Agenzia per la coesione territoriale con lo scopo di promuovere e di rafforzare le relazioni tra autorità amministrative regionali, centrali e società civile.

Quest’anno la tematica era « EUROPE IS YOU»: slogan che sta a significare che i cittadini europei sono al centro delle politiche di cooperazione.

La prima giornata, la nostra volontaria ha potuto assistere a due sezioni intitolate «Il valore della cooperazione territoriale: buone pratiche e risultati conseguiti dalla CTE sui territori» e «Il ruolo della CTE e delle strategie macroregionali nella politica di coesione 2021-2027 e le prospettive di raccordo con la programmazione mainstream».

Durante la prima sezione, i numerosi esperti intervenuti hanno potuto condividere alcuni esempi di successo condotti nell’ambito dei loro programmi di cooperazione. Lo scambio di buone pratiche è indubbiamente un fattore di miglioramento per molte politiche regionali e locali da cui ne consegue la necessità di capitalizzare. Questi hanno sostenuto all’unanimità una semplificazione normativa e amministrativa in modo tale da creare una vera identità transfrontaliera.

La seconda sezione intitolata «Il ruolo della CTE e delle strategie macroregionali nella politica di coesione 2021-2027 e le prospettive di raccordo con la programmazione mainstream» riguardava i cambiamenti futuri relativi alle componenti della politica di coesione per il periodo 2021-2027.

In particolare, per la CTE:

  • Una riformulazione delle componenti della cooperazione territoriale (Interreg)
  • La scomparsa di alcuni programmi CTE
  • L’integrazione dei dispositivi per i paesi terzi
  • L’integrazione della cooperazione marittima transfrontaliera nell’ambito transnazionale.

Riguardo la strategia macroregionale, si tratterà di un più grande riconoscimento di questo strumento per il periodo 2021-2027. Una migliore integrazione delle priorità delle strategie macroregionali e delle priorità CTE è auspicabile. Durante questa sezione, la riflessione si è focalizzata sulla difficile integrazione dei risultati dei progetti dei programmi mainstream dei fondi strutturali e su come superarla.

Il secondo giorno Safia ha partecipato al workshop “i giovani incontrano la cooperazione”. L’occasione di presentare la sua esperienza di giovane volontaria presso il segretariato congiunto ALCOTRA e di promuovere la cultura e la conoscenza della cooperazione territoriale europea davanti a studenti e liceali.

Al suo ritorno ci ha detto: “Questo evento è stato una grande opportunità, ho potuto assistere a conferenze di alto livello, chiacchierare con Agnès Monfret, capo dell’unità comunicazione della Commissione europea e incontrare altri volontari che condividono la mia stessa visione dell’Europa. Spero di aver dato l’ispirazione ad altri giovani affinché si impegnino a loro volta per l’Europa”.

Safia, di Biarritz, dopo i suoi studi in diritto, ci ha raggiunti a Torino dalla fine di luglio. In quanto Interreg Reporter, lei è di supporto alla comunicazione del programma: cio si è concretizzato nel suo sostegno per l’organizzazione dell’evento annuale 2019 e nel suo aiuto al lavoro quotidiano di gestione e animazione del sito e dei social networks del programma.