Lancio del PITER Parcours "un patrimonio, un'identità, dei percorsi condivisi"

pubblicato 21.03.2019

Punto di partenza per co-costruire la nostra cooperazione

È al Palazzo Regionale di Aosta che il Piano Integrato Territoriale PARCOURS è stato ufficialmente lanciato ieri mercoledì 20 marzo. Alle origini di PARCOURS, il desiderio di creare nuove sinergie transfrontaliere a vantaggio di un'offerta turistica integrata, una mobilità sostenibile potenziata e un programma educativo innovativo rivolto ai giovani nelle scuole. PARCOURS nasce da una volontà comune del dipartimento dell'Alta Savoia, della Regione Autonoma Valle d'Aosta e degli attori dell’Espace Mont-Blanc, compreso il cantone del Vallese per la Svizzera.

PARCOURS è un Piano Territoriale Integrato finanziato dal programma europeo INTERREG ALCOTRA per 6,67 M€ di fondi europei (Fondo Europeo di Sviluppo Regionale).

Il Dipartimento dell'Alta Savoia coordina questo piano composto da un progetto di comunicazione e coordinamento e 4 progetti tematici, insieme ad altri partner istituzionali impegnati in azioni concrete al servizio del territorio transfrontaliero.

La presentazione dei 4 progetti del PITER PARCOURS, intervallati da sketches realizzati da La Ligue de l’Improvisation de Lyon che hanno introdotto con umorismo e leggerezza ogni tema, si è svolta nell’ ordine seguente:

  1. Parcours I-tinérants attorno al Monte Bianco mira a sviluppare un servizio innovativo di mobilità sostenibile nel territorio dell'Espace Mont-Blanc.
  2. Parcours dei patrimoni, dei castelli inaugura il restauro, valorizzazione e animazione di siti storici e delle zone circostanti.
  3. Parcours di interpretazione del patrimonio naturale e culturale consiste nel valorizzare l'eccezionale e unico patrimonio naturale del territorio dell'Espace Mont-Blanc.
  4. Parcours civico e professionale di montagna mira ad una migliore proiezione civica e professionale dei giovani sul loro territorio.

Per questo ultimo progetto, al quale è stato consacrato il pomeriggio, i giornalisti del collettivo WeReport, accompagnati dagli insegnanti, hanno illustrato le attività degli studenti delle 8 scuole dell'Alta Savoia e della Valle d'Aosta che hanno partecipato al progetto. Sono succeduti dei workshop tecnici che hanno coinvolto tutto il pubblico presente: l'obiettivo è stato di riflettere sui temi (ambiente, economia, patrimonio, ecc.) al centro dei cantieri di lavoro e delle giornate di scambio, attività ugualmente previste da questo progetto.

L'evento ha contrassegnato la "linea di partenza per co-costruire la nostra attuale cooperazione e in particolare la prossima programmazione 2021/27" come affermato da Luigi Bertschy, Assessore agli affari europei della Regione Autonoma Valle d'Aosta. In questa occasione, molti Presidenti di Regioni e Dipartimenti, nonché Assessori e Unità dei comuni si sono incontrati per dare nuovo slancio ad una dinamica di cooperazione di lunga data.