Così lontano, così vicino

pubblicato 07.05.2018

La nostra volontaria Interreg Reporter, Marine ha incontrato i giovani del Road Trip, in visita a Ormea al progetto Stramil

Domenica 6 maggio, un singolare veicolo ha percorso le strade del Piemonte, attirando l’attenzione di curiosi e turisti della città di Ormea. I giovani del Road Trip Project, organizzato dall’Unione Europea, si spostano così per circa 3000 km, dalla Grecia alla Francia, lungo tutto il Mediterraneo.

Questa tappa del viaggio è l’occasione di scoprire un Mediterraneo molto montano, nonché un progetto faro finanziato dal Programma ALCOTRA sull’ex-strada militare Stramil. Il percorso è stato ri-aperto in seguito ai lavori realizzati con fondi europei e attraversa per 39 chilometri i territori francesi e italiani. Questa strada consente il collegamento di paesi da una parte e dall’altra della frontiera, poco accessibili e remoti, caratterizzati da un paesaggio unico in Europa.

L’incontro comincia con un tipico pranzo piemontese. Per il team del Road Trip è una cucina diversa dal resto dell’Italia, un incrocio di sapori di montagna e di mare, italiani e francesi.

Le particolari condizioni meteo non permettono di percorrere la strada, ma il Road Trip vi si è avvicinato salendo nella valle che si restringe fino a Briga Alta. Innevata, all’apice dei colli che separano la Francia e l’Italia, si vede la strada, così vicina e così lontana, di difficile acceso, tra sole e temporali.

Marine, giovane volontaria francese in Italia, ha potuto condividere con Louis e Louisa le proprie impressioni su cosa vuol dire vivere al confine, tra due paesi e due lingue, e capirne i legami e le differenze. La strada dà inoltre l’opportunità di capire che questa frontiera amministrativa è anche una frontiera fisica, che la relazione tra due paesi si costruisce ogni giorno, con pazienza, come lo fanno gli attori del progetto per prendersi cura dei propri territori.

Per i giovani viaggiatori, le poche ore passate nel Val Tanaro sono solo un piccolo pezzo della loro lunga strada. Per questo territorio, invece, l’Unione Europea e i fondi europei sono essenziali: Stramil e il progetto Road Trip permettono di dare più visibilità al patrimonio locale naturale e culturale dei paesaggi del Col di Tenda.

Essere Volontaria Interreg vuol anche dire stabilire un legame tra l’Europa dei social, aperta e viaggiatrice, e la vita nei territori più remoti che si prova a preservare. Vuol dire destreggiarsi tra due lingue e due culture, l’inglese delle capitali europee, degli scambi costanti e dell’Erasmus, e l’italiano delle culture locali e dei territori con una storia millenaria.

Segui i giovani del Road Trip QUI