Calce, legno e canapa: i cantieri pilota all'insegna dell'edilizia "green" finanziati da ALCOTRA

pubblicato 17.10.2019

A Cuneo, Boves, Imperia e Saint-Laurent-du-Var il progetto Eco-Bati lavora per l’efficientamento energetico di alcuni edifici pubblici

 

Il 14 ottobre il Segretariato Congiunto ALCOTRA ha partecipato alla visita dei cantieri pilota di Cuneo e Boves nell’ambito del progetto ECO-BATI. Quest’ultimo, finanziato nel 2017 a valere sul secondo bando del Programma all’interno dell’asse I relativo all’innovazione, ha come capofila la Camera di commercio di Cuneo e prevede, tra le varie attività, di realizzare di quattro cantieri pilota su edifici pubblici della zona transfrontaliera tra le province di Cuneo, Imperia ed il Dipartimento delle Alpi Marittime per aumentarne l’efficientamento energetico utilizzando materiali ecosostenibili (interventi realizzati a Cuneo, Boves, Imperia e Saint-Laurent-du-Var).

La giornata è iniziata presso i locali della Camera di commercio di Cuneo, dove il Presidente, Ferruccio Dardanello, ha ricordato come il territorio della Provincia di Cuneo sia da sempre un luogo di sperimentazioni e di innovazioni, utili a migliorare la società e rendere più efficienti le infrastrutture. Proprio in questo terreno fertile si inserisce ECO-BATI, che punta anche a promuovere l’utilizzo di eco-materiali in edilizia, favorendo una filiera corta in questo settore. Patrizia Mellano, Vice- Segretario Generale Vicario e Dirigente dell’area di sostegno del mercato della Camera di commercio, ha sottolineato l’importanza di questo finanziamento europeo, che ha dato il la ai partner per iniziare a lavorare su queste tematiche, consentendogli di integrare con risorse proprie gli interventi previsti sui quattro cantieri pilota in modo da arrivare a risultati interessanti e concreti.

L’architetto Alice Lusso ha illustrato l’intervento svolto nel cantiere di Cuneo, presso un edificio di proprietà della Camera di commercio, nel quale si sta realizzando un cappotto esterno utilizzando materiali innovativi quali la canapa, coltivata a “km0” nelle campagne di Maddalene, vicino a Fossano, e in cui verranno impiantati dei nuovi serramenti con telaio in legno.

Il Sindaco di Boves Maurizio Paoletti ha poi brevemente illustrato il cantiere in corso presso un edificio del suo comune, nel quale è stata rifatto il tetto e in cui si sta realizzando il cappotto, anche in questo caso con l’utilizzo della canapa, e in cui verranno anche sostituiti i serramenti esterni. Questo intervento è stato progettato dai ragazzi della scuola edile che ha sede a Boves ed esemplifica il lavoro portato avanti dal Comune per coniugare la sensibilità ambientale con concrete possibilità lavorative per i giovani del territorio.

I partecipanti, costituiti in misura maggiore da imprese edili delle province di Cuneo ed Imperia, giornalisti e studenti della scuola edile di Boves, hanno poi concluso la giornata spostandosi prima presso il cortile della Camera di commercio e, poi, a Boves, dove le imprese che stanno realizzando i due cantieri hanno illustrato nel dettaglio i lavori che stanno svolgendo.

Per saperne di più sul progetto